Il Carisma

IL CARISMA DELLA MADRE
Dono grande del Signore la Beatificazione di Madre Speranza, apostola dell’Amore Misericordioso, la cui esistenza è stata segnata da uno specifico carisma.
Il carisma è sempre un dono di grazia, che il Padre mediante il suo Spirito dà a ciascuno di noi secondo un suo imperscrutabile disegno d’amore, perché mette in luce per il bene della Chiesa e del mondo un aspetto particolare della sua vita divina, che in pienezza si è rivelata in Gesù.
Madre Speranza, con la Fondazione dell’Amore Misericordioso, si è sentita chiamata
ad annunciare, a vivere, a testimoniare, come Lei scrive: …“Dio è un Padre pieno di amore e di misericordia, non è un contabile ma perdona e dimentica le offese e le miserie dei suoi figli”…
Il codice del messaggio dell’Amore Misericordioso è custodito da quelle splendide,  meravigliose parole sempre di Madre Speranza: … “Dio è un Padre di bontà che cerca con tutti i mezzi di confortare, aiutare e rendere felici i propri figli; li cerca e li insegue con amore instancabile come se Lui non potesse essere felice senza di loro; l’uomo il più perverso, il più miserabile ed infine il più perduto è amato con tenerezza da Gesù che è per lui un Padre ed una tenera Madre”…
Madre Speranza è stata lo strumento nelle mani di Dio per risvegliare nell’uomo di oggi l’annuncio dell’Amore Misericordioso, che è antico quanto lo è il Vangelo. Nel commento alla parabola del “Figlio – prodigo”, Madre Speranza sottolinea questa appassionante iniziativa di Dio di rivelarsi quale amore misericordioso: “ Il Padre accolse il figlio prodigo con gioia, sebbene fosse ancora lontano, il padre lo vide e, mosso dalla misericordia, gli andò incontro, si gettò al suo collo e lo baciò. Dio fa il primo passo per accogliere il peccatore pentito, abbracciandolo con amore, non appena questi va verso di Lui e, senza rinfacciargli i suoi errori, lo ricolma di grazie e di doni”. Nel suo diario scrive: “ Egli abita dentro di noi e cerca con tenerezza il nostro amore, quasi non potesse vivere senza di noi…”. Di qui lo stupore di Madre Speranza che Dio si abbassi sino a farsi “mendigo de amor” – mendicante di amore.
La Famiglia dell’Amore Misericordioso è chiamata a prolungare nel tempo e nello spazio il carisma di Madre Speranza, come già Giovanni Paolo II, nel novembre 1979,  sottolineandone l’attualità, si esprimeva in visita alla parrocchia di Spinaceto in Roma: … “l’uomo ha intimamente bisogno di aprirsi alla misericordia divina per sentirsi radicalmente
compreso nella debolezza della sua natura ferita; in questo mondo ci vuole una Comunità che è specialmente consapevole di quell’Amore Misericordioso che solo può aiutare l’umanità; la vostra vocazione è grande e con questa vocazione portate la speranza nel
mondo”…
Il carisma di Madre Speranza anticipa così, per singolare ispirazione divina, quanto dirà il Concilio Vaticano II sulla chiamata universale alla santità: Dio cerca l’uomo e tutti chiama alla santità.
IL SANTUARIO E LA NOVENA ALL’AMORE MISERICORDIOSO
Dio ha scelto un luogo speciale, Collevalenza, chiedendo alla Madre la realizzazione di un Santuario, dove prima sorgeva un roccolo; accanto le piscine alimentate dall’acqua del pozzo da Lui voluto come segno del suo “amore misericordioso”.
Qui, come promesso, sono sempre il suo amore e la sua misericordia ad attirare migliaia di pellegrini provenienti da ogni parte del mondo.
Vicino alle piscine la Madre ha fatto erigere, su un alto basamento, la statua di Maria Mediatrice come una mamma che a braccia aperte attende per accogliere i suoi figli sofferenti nel corpo e nello spirito.
Madre Speranza compose tante preghiere, tra cui eccelle la novena all’Amore Misericordioso, nella quale ci offre una intensa meditazione sul Padre Nostro, invitandoci ad un abbandono filiale e a chiedere che si compia in noi ciò che il Signore desidera.

Rispondi